macchine riproduttive

“L’imperialismo di guerra esige che nelle donne non nasca alcuna ribellione contro la funzione che è stata loro accollata di essere soltanto macchine riproduttive, vale a dire, la funzione del soddisfacimento sessuale non deve disturbare la funzione della procreazione; inoltre, una donna cosciente dal punto di vista sessuale non obbedirebbe mai docilmente alle parole d’ordine reazionarie che mirano alla sua schiavizzazione. Questo contrasto fra soddisfacimento sessuale e procreazione vale solo per la società autoritaria, non per la democrazia del lavoro; è importante vedere in quali condizioni sociali devono partorire le donne, se in condizioni favorevoli, assistite dalla società, oppure in condizioni che non permettono una adeguata protezione della madre e del neonato. Se dunque le donne devono docilmente partorire, senza alcuna protezione da parte della società, senza alcuna sicurezza per l’educazione dei loro figli, senza nemmeno poter stabilire il numero dei figli da mettere al mondo, allora è necessario che venga idealizzata la maternità anziché la funzione sessuale della donna.
Se dunque dobbiamo comprendere il fatto che il partito di Hitler, allo stesso modo dei partiti del centro, si basava, ciò nonostante, prevalentemente sui voti delle donne, dobbiamo comprendere questo irrazionalismo.
Il meccanismo irrazionale consiste nella contrapposizione fra donna come madre e donna come essere sessuale.”
Wilhelm Reich, Psicologia di massa del fascismo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...