Ludovico Geymonat, la sconfitta della Resistenza

“La Resistenza è stata sconfitta poiché le è stato impedito (o lei stessa non vi è riuscita) di modificare le strutture di fondo della nostra società e dello stato italiano. Il fascismo invece, in ultima analisi è risultato vincitore. Certamente il fascismo di facciata è crollato, ma il fascismo vero, quello che si è radicato nelle strutture dello stato, in una certa mentalità per la gestione del potere, quello che ha creato le proprie gerarchie burocratiche e il proprio apparato di potere, ebbene questo fascismo è uscito pressoché indenne dalla bufera della Resistenza e ha mantenuto intatto il suo potere all’interno dello stato, delle forze di polizia, delle questure, delle carceri e della magistratura. Questo fascismo più profondo e più pericoloso ha guidato e controllato ancora una volta lo sviluppo post-bellico della nazione”
Ludovico Geymonat, La società come milizia (1989)

Dall’indice del volume:
Per un’analisi critica della Resistenza.
1. La libertà di discussione è un prodotto storico.
2. Il cadavere dell’Italia fascista.
3. Il ruolo dei partigiani, il significato della loro rotta e le loro speranze.
4. Prima sconfitta: la mancata epurazione. (Il burocrate scaccia il partigiano).
5. Seconda sconfitta: la restituzione delle armi.
6. Terza sconfitta: la trappola della Costituente e la conservazione della legislazione fascista.
7. Quarta sconfitta: i padroni della nazione non cambiano.
8. Quinta sconfitta: i rappresentanti politici della Liberazione non contano nulla.
9. Sesta sconfitta: sostanziale continuità della cultura tradizionale.
10. L’Italia pre-fascista e quella contemporanea: un confronto.
11. La mancata applicazione della Costituzione è la controprova della sconfitta della Resistenza.
12. Il contrasto tra Nord e Sud tra le cause della sconfitta della Resistenza.
13. La critica dell’indifferentismo come premessa per un’azione consapevole.

milizia

Qui una recensione:
il filosofo armato

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...